La cattura - Il mondo degli Schuetzen

Vai ai contenuti

La cattura

Andreas Hofer
Andreas Hofer
la cattura ed il trasferimento di Hofer a Mantova (tratto da Andreas Hofer a Mantova in catene .. Roberto Sarzi - editoriale Sometti - Mantova)
pagina precedente:   la persona                                                                                                               pagina successiva:  e il Trentino
Il tentativo fatto dai gendarmi di  catturare sua moglie e i I figlio fecero comprendere a Hofer quali fossero le  reali intenzioni dei francesi, che nel frattempo avevano posto sul suo capo una  grossa taglia di 1500 fiorini, e lo convinsero ancor di più a mantenersi nella  latitanza.
  Intanto da Varasdin in Croazia, dove era riparato con altri  insorti, il maggiore Martin Teimer, uno dei suoi luogotenenti, era riuscito a  fargli pervenire una lettera dove gli comunicava di essere in possesso di una  parte delle ingenti somme di denaro che l'Inghilterra aveva inviato a sostegno  della lotta dei Tirolesi contro Napoleone e che ora voleva mettere a  disposizione di Hofer che doveva solo indicargli il modo più sicuro per  fargliele avere. Questa notizia aveva ridato nuove speranze a Hofer che mandò a  sua volta il capitano Antonio Wild, un suo uomo di fiducia, a Vienna per  riferire verbalmente un suo nuovo appello all'imperatore perché non abbandonasse  il Tirolo e il suo comandante generale. L'emissario giunse a Vienna il 28  dicembre e venne ricevuto il giorno stesso dall' imperatore che gli consegnò una  sua lettera personale per Hofer in cui gli confermava di aver concluso il  trattato di pace e lo invitava a emigrare in Austria e per aiutarlo nella sua  fuga affidava al capitano una lettera di cambio di 11000 fiorini.
  Purtroppo i Francesi vennero informati della missione del cap. Wild  che non riuscì a raggiungere Hofer che non poté ricevere l'aiuto in denaro  inviatogli dall' imperatore ma solo la sua lettera che, in modo fortunoso, gli  fu comunque consegnata alla fine di gennaio.
  A due soli giorni dalla sua cattura Hofer inviò all'arciduca  Giovanni un'ultima commovente lettera che rivela tutta la lacerazione del suo  animo diviso tra la sua incrollabile fedeltà alla casa regnante e il peso della  responsabilità per le sofferenze inflitte al suo popolo a causa della rivolta  che egli aveva guidato in nome del suo sovrano.
  Un giorno salì sull'alpe di Pfandler anche un certo Raffl, un  valligiano che possedeva anch'egli una vecchia baita diroccata lì vicino, il  quale insospettito dal fumo che usciva dal camino della baracca, che i suoi  occupanti erano costretti a mantenere sempre acceso per difendersi dal freddo,  con un pretesto si fece aprire la porta e lì fece la scoperta di Hofer che quasi  tutti credevano già rifugiato in Austria. Quest'uomo, che godeva di una pessima  fama tra gli abitanti del posto, dopo qualche giorno, attratto dal ricco  compenso rivelò la sua scoperta ai Francesi, che, guidati da lui stesso nella  notte tra il 27 e il 28 gennaio, si inerpicarono con una grossa truppa di 500  uomini lungo i sentieri ripidi e nevosi della montagna e alle prime ore  dell'alba gli uomini del capitano Renouard, un centinaio di soldati e gendarmi  francesi e italiani, riuscirono a raggiungere e circondare il rifugio di Hofer.
  Svegliati dalle voci dei soldati gli occupanti della baita si  resero subito conto di essere in trappola e vista inutile ogni possibilità di  difesa Hofer aprì la porta e chiese se qualcuno dei soldati capisse il tedesco,  avuta risposta positiva disse:

"Siete venuti per catturare me, su eccomi, fate di me ciò che volete, perché  io sono il colpevole ma chiedo grazia per mia moglie, mio figlio e per questo  giovane (indicando Sweth) perché essi sono veramente innocenti!".

  Senza opporre resistenza Hofer si consegnò ai gendarmi che lo  legarono con le braccia dietro alla schiena e lo immobilizzarono mettendogli un  laccio intorno al collo dopodiché cominciarono a infierire su di lui  strappandogli i capelli e i peli della barba dicendo di volere così un ricordo  della sua cattura. Estremamente brutale fu il trattamento riservato anche agli  altri prigionieri ai quali non fu consentito di vestirsi e così semi nudi e a  piedi scalzi furono avviati a forza di spintoni e di insulti giù verso valle  lungo impervi sentieri ghiacciati lasciando dietro di sé una traccia di sangue.  Come conseguenza dei maltrattamenti subìti il giovane Hofer, allora quindicenne,  ebbe congelati entrambi gli alluci dei piedi per cui rimase c1audicante per il  resto della sua vita.
  Condotto a Merano Hofer subì un primo interrogatorio da parte del  generale Huard nella locanda "Zum Grafen von Meran", ancor oggi esistente, al  quale espose quella che sarebbe stata d'ora in poi la sua linea di difesa ovvero  di aver sì guidato l'insurrezione popolare per conto del suo imperatore, ma di  averla proseguita anche negli ultimi tempi, dopo la conclusione del trattato di  pace, solo perché costretto dalle minacce dei suoi compagni.
  I generali francesi Baraguey d'Hilliers e Drouet d'Erlon si  affrettarono a comunicare la notizia dell'avvenuta cattura di Hofer al Viceré  Eugenio che, da Parigi, dove si trovava in quel momento, diede l'ordine che egli  fosse condotto a Mantova dove già si trovavano prigionieri molti altri insorti  Tirolesi.
  A partire da Merano il trattamento che gli ufficiali francesi  riservarono a Hofer fu molto cavalleresco e cortese; a Bolzano lo stesso  Baraguey venne a visitarlo nella sua prigione di Sant' Afra e, deplorando il  trattamento inumano dei gendarmi durante la sua cattura, ordinò che la moglie e  il figlio fossero subito rimessi in liberà dichiarando che i francesi non  facevano la guerra alle donne e ai bambini. Un altro alto ufficiale, il gen.  Mollard, venne a visitarlo nella sua cella e gli chiese se desiderasse qualcosa  al che Hofer disse che gli sarebbe piaciuto un po' di tabacco da fiuto. Il  generale gliene procurò ben due libbre della miglior qualità e in più gli fece  dono di una bella tabacchi era d'argento. Il gen. Baraguey diede l'ordine di  condurre Hofer e Sweth a Mantova accompagnandolo con una raccomandazione al  comandante della fortezza gen. Bisson di trattare con riguardo il prigioniero e  il suo compagno.
  Il convoglio, scortato da un battaglione di fanteria francese, fece  sosta a Egna dove Hofer poté parlare con un suo vecchio un amico, Vincenzo von  Pühler, lo stesso al quale egli indirizzerà qualche giorno più tardi l'ultima  sua lettera prima dell'esecuzione e che gli diede un libro di preghiera e una  somma di denaro in prestito.
  Dopo altre soste a Trento e Rovereto, Hofer e la sua scorta  giunsero ad Ala dove, stando alla testimonianza del Bresciani, gli si sarebbe  presentata la possibilità di fuggire quando durante la notte, per le esalazioni  di una stufa, le guardie avevano perduto i sensi ma egli anziché approfittare  della situazione svegliò il resto del corpo di guardia salvando i soldati dalla  morte per asfissia.
  Ammesso pure che egli fosse riuscito a sfuggire ai suoi carcerieri  c'è da chiedersi se gli avrebbe poi potuto proseguire la fuga riparando magari  in Svizzera o in Austria, ma pare proprio che Hofer non fosse nello stato  d'animo di intraprendere una tale impresa; tutti coloro che lo videro in quei  giorni ce lo descrivono infatti come un personaggio avvilito e rassegnato al  proprio destino, per di più il suo compagno Sweth soffriva ancora di un  principio di congelamento ai piedi per cui ad ogni tappa doveva essere  trasportato in carcere e curato.
  Dopo altre soste a Verona, Peschiera e a Valeggio i prigionieri  giunsero in serata a Mantova il 5 febbraio del 1810 lungo l'antica strada  lastricata della quale resta ancor oggi un piccolo tratto e, forse, ebbe la  possibilità, prima di passare sotto l'arco di Porta Giulia, di gettare uno  sguardo al profilo della città sull'altro lato del lago. Il Bisson prese in  consegna i prigionieri che furono condotti nella loro cella, la numero 1 al  primo piano della Tane del Vaso a Cittadella.
Andrea Hsofer - la cattura
Email Address info@ilmondodeglischuetzen.it

TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Torna ai contenuti