fatti e cronaca - Il mondo degli Schuetzen

Vai ai contenuti

2017_11_24 Fiavè. Ultima serata in ricordo dei 250 anni della nascita di Andreas Hofer

Il mondo degli Schuetzen
Pubblicato da in ricorrenze storiche ·
Tags: andreashofer250anni2017fiavebarconedeiribelli201711
2017_11_24 Fiavè. Ultima serata in ricordo dei 250 anni della nascita di Andreas Hofer concerto con il duo Flavetum. Inquadramento storico a cura di Graziano Riccadonna. E Mauro neri con il suo sogno “Il barcone dei Ribelli”.
Andreas Hofer è nato il 22 novembre 1767 a San Leonardo in Val Passiria. Svolse la professione di oste. E' anche stato commerciante di cavalli e questo mestiere lo porterà in giro per tutto il Tirolo facendosi conoscere da molti. Passò anche 3 anni al passo Ballino come garzone dove imparò l’italiano. Il Tirolo, che comprendeva anche le attuali province del Trentino e del Süd Tirolo, dopo la pace di Presburgo (1805) venne ceduto dall’Austria a Napoleone che la assegnò all’alleata Baviera. Il Tirolo cadde così in mano al governo massonico degli Illuminati che in breve tempo sovvertì le antiche istituzioni e perseguitò in tutti i modi la Chiesa. Alla ripresa della guerra nell’aprile del 1809 tutto Il Tirolo insorse. Malgrado l’Austria fosse costretta, dopo pochi mesi, ad un armistizio, i Tirolesi di lingua italiana e tedesca guidati da Andreas Hofer, che nel frattempo era stato scelto quale Comandante supremo, continuarono nella lotta e sconfissero l’esercito francese che dovette sgombrare l’intera regione. Abbandonato al proprio destino dopo la pace di Schönbrunn (ottobre 1809) il Tirolo venne investito da un intero Corpo d’armata francese e, malgrado una disperata resistenza, dovette capitolare. Hofer si rifugiò con i familiari in una baita di montagna ma, tradito da un compaesano, fu condotto a Mantova e, per ordine di Napoleone, processato e fucilato il 20 febbraio 1810. Quando alcuni ufficiali austriaci, qualche anno dopo la fucilazione di Mantova, il 21.02.1823, trafugarono le ossa dell’eroe portandole a Innsbruck, la corte non sapeva bene cosa farne. Nell’Austria di Metternich i guerriglieri insurrezionali non erano graditi. Dopo lunghe meditazioni, gli si diede un funerale di Stato. Quanto agli ufficiali autori dell’impresa, vennero segretamente cacciati dalle forze armate. Poi, fino al primo centenario del 1909, tutti o quasi si dimenticarono di lui. La salma di Andreas Hofer giace sepolta dal 1823 nella Hofkirche di Innsbruck. In stretta connessione con le battaglie dell'epoca napoleonica è anche la festa del Sacro Cuore di Gesù, celebrata festosamente nell'intero Tirolo ogni anno: allorché nel 1796 il Tirolo era minacciato dalle truppe francesi, la "Dieta" tirolese si impegnò a celebrare festosamente la festa del Sacro Cuore, il che avviene ancora oggi con cerimonie religiose, processioni e fuochi celebrativi in montagna. In quegli anni Andreas Hofer riuscì a compattare tutto il popolo tirolese per la difesa della propria Heimat e delle proprie tradizioni.

foto / Bilder

Programma di sala:
Concerto del DUO FLAVETUM
Brani:  
Ich hatte einen Kameraden:     video
Hinaus in die Ferne e Den lieben langen Tag:     video
Mit den Pfeil, dem Bogen, Von der Alpe ragt ein Haus e Gesellenreise:      video
Andreas Hofer fra mito e realtà

Inquadramento storico a cura di Graziano Riccadonna: prima parte - seconda parte

Il Barcone dei Ribelli: Un sogno di Mauro neri trasformato in racconto quando i giudicariesi partirono per salvare Hofer. Con le canzoni:
Wohlauf noch getrunken, Fein sein, bei'nander Bleibn, Zu mantua in banden e W l'Imperatore
prima parte   -   seconda parte    -    terza parte



Email Address info@ilmondodeglischuetzen.it

TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Torna ai contenuti