fatti e cronaca - Il mondo degli Schuetzen

Vai ai contenuti

2017_12_17 SK Primor - in ricordo di Giuseppina Negrelli

Il mondo degli Schuetzen
Pubblicato da in commemorazioni ·
Tags: giuseppinanegrelli2017primor
2017_12_17 SK Primor - ricordo di Giuseppina Negrelli.
  L’insurrezione Hoferiana non passò inosservata in queste valli, ad   essa le comunità e le deputazioni che le rappresentavano   parteciparono in maniera cosciente e massiccia, fornendo, come lo   stesso Angelo Negrelli padre di Giuseppina conferma nei sui scritti,   un appoggio consistente in termini di uomini e compagnie preposte   alla protezione dei confini, sobbarcandosi oneri che gravarono a   lungo sulle casse delle stessa. Fra questi uomini e compagnie vi era   anche Giuseppina Negrelli divenuta suo malgrado eroina per la difesa   dei confini di Primiero. Assieme ad alcuni reparti di Schützen compì   delle sortite nel territorio di Feltre e Belluno riuscendo a   respingere così alcuni reparti di franco-piemontesi. Tale gesto fu   elogiato in una lettera scritta dal barone Paolo von Taxis, tenente   colonnello e comandante degli avamposti, che scrisse: "Una certa   Giuseppina Negrelli, di 18 anni, indossati abiti maschili, è partita   con i Bersaglieri per la guerra e le donne stesse si sono sistemate   in una posizione da cui poter rovesciare sassi sul nemico. Questa   notizia, partecipatami dal Signor Intendente Generale, sarà resa   nota a tutti". Perché ricordare: si ricorda il passato per creare il   futuro. Si può ricordare per crescere, per fare tesoro   dell’esperienza passata e così scegliere e guidare il proprio   futuro. Però nel giorno della memoria, non ci possiamo focalizzare   solo sul passato, ma dobbiamo farlo soprattutto sul futuro, così da   crearlo in modo consapevole grazie all'aiuto della conoscenza di   quanto è successo. Senza la dimensione del ricordo, noi saremmo un   nulla; il passato ci restituisce le nostre radici, quello che siamo   stati, ci dice da dove veniamo, chi siamo e che percorso stiamo   facendo. Il ricordo non è un nostalgico voltarsi indietro nella   Storia. Ognuno di noi non potrebbe vivere senza il ricordo di un   passato, che rappresenta la sua storia, ma neppure senza un presente   che rappresenta l’oggi, quindi solo Passato e Presente messi insieme   possono offrire la possibilità per una costruzione di un Futuro   migliore. Ed è Per questo che noi ricordiamo una figura come   Giuseppina Negrelli.





Email Address info@ilmondodeglischuetzen.it

TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Torna ai contenuti